Vacanze di Pasqua

Ricordiamo che la scuola dell’infanzia, in occasione delle vacanze pasquali, chiuderà dal 18 al 28 aprile compresi.

Cogliamo l’occasioni per porgervi l’augurio di una buona Pasqua.

 

 Le insegnanti

Annunci

La merenda di primavera

E’ sempre un piacere vedere i bambini che s’incontrano nel giardino della scuola, giocano e si divertono e nello stesso tempo vedere mamme e papà che trascorrono un po’ di tempo insieme con l’intento di conoscersi e condividere esperienze. E’ stata anche l’occasione per rivedere vecchie conoscenze, tra bimbi e adulti, che hanno ormai intrapreso nuovi percorsi scolastici. Per questa possibilità dobbiamo ringraziare le rappresentanti di sezione Alessia, Erika, Federica e Mara che hanno pensato all’organizzazione del pomeriggio, allestendo diversi stand per l’intrattenimento di grandi e piccoli. Un ringraziamento va anche a tutti quei genitori che hanno collaborato fornendo torte, truccando i bambini e gestendo gli angoli d’attrazione.

Carnevale con ‘Pezzettino’

Il 5 marzo la scuola “N. Bixio” era in festa. L’ultimo giorno di Carnevale non poteva che concludersi con una giornata di divertimento e sorprese. Le maestre, infatti, hanno voluto regalare un momento particolare e intenso a tutti i bambini della scuola: una rappresentazione teatrale della storia di “Pezzettino” di Leo Lionni, un delicato racconto sulla diversità, l’unicità di ogni persona e sul riconoscimento di se stessi.  I bambini hanno assistito con grande attenzione sia per il fascino della narrazione che per lo stupore di vedere le maestre in una veste diversa. La festa è proseguita con balli e lanci di stelle filanti, per concludersi con la grande sfilata dei bambini così felici nei loro travestimenti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Manipolando

Si è concluso il progetto “Manipoliamo la creta”, avviato all’interno delle due scuole dell’infanzia di Soliera e della scuola primaria. Il percorso ha previsto l’intervento dell’esperta Anna Incerti, che, in tre momenti, ha permesso ai bambini il contatto con un materiale così particolare come la creta. Inizialmente i bimbi hanno esplorato liberamente l’argilla scoprendo le varie possibilità di trasformarla bucandola, schiacciandola, graffiandola, battendola. Poi i bambini hanno proseguito la manipolazione della creta realizzando impronte lasciate da foglie od oggetti, incidendo il contorno della propria mano completandola con decorazioni, costruendo il proprio volto. Tutto ciò ha arricchito un processo di perfezionamento dell’ uso del gesto, della motricità della mano che già si svolge in sezione nella normale attività didattica, ma con un approccio esplorativo e di sperimentazione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La merenda di Natale

Un’altro momento d’intrattenimento ha contribuito a creare l’attesa del Natale: la merenda a scuola con genitori e bambini. Tra una fetta di torta e un succo i bambini hanno potuto giocare in compagnia degli amici, truccarsi nelle maniere più stravaganti e anche esibirsi, in maniera del tutto informale, con canti e danze a tema natalizio.

Un grosso ringraziamento va alle rappresentanti di sezione Alessia, Erika, Federica e Mara che si sono occupate dell’organizzazione dell’evento e a tutti i genitori che hanno dato il loro contributo per la riuscita della merenda.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Una festa insieme

I preparativi, l’attesa, l’emozione per l’esibizione e poi si inizia. Tutti i bimbi entrano nel salone, si dispongono nelle panche e lo spettacolo può cominciare. Una canzone, una danza, una poesia, piccole cose, ma per i bambini sono grandi. C’è davvero aria di festa, che culmina con l’arrivo di Babbo Natale, accolto con grande entusiasmo. Intrattiene i bambini raccontando delle sue renne e della fatica del suo compito. Poi si sposta nelle diverse sezioni per chiacchierare ancora con i bimbi e

Questo slideshow richiede JavaScript.

consegnare i regali. La mattina si conclude con il pranzo tutti insieme nel salone con menù natalizio. Che giornata! I bambini ritornano nelle loro sezioni stanchi, ma davvero contenti. E allora non resta che dire buon Natale.

Raccontando il Natale

Toc, toc! Prego entra pure. Ma chi sarà? E’ la cantastorie del Natale. Indossa un cappello rosso, annuncia il suo arrivo con le campanelle e mostra ai bambini il libro. Quel potente strumento capace d’incantare, soprattutto ora, in cui i bambini sono avvolti dall’atmosfera natalizia. Così le insegnanti delle sezioni, in particolare dei cinque e quattro anni, si sono dedicate a letture a tema nelle diverse sezioni della scuola. E’ stato un momento molto apprezzato dai bambini, affascinati anche nel vedere un’insegnante diversa che si presta a raccontare storie anche a loro.